Archivi categoria: Religione

Religione cattolica, religione di stato laico!

Questo sketch dello spettacolo teatrale Recital di Corrado Guzzanti, andato in onda su La7, ha scatenato le ire del presidente dell’Aiart (Associazione italiana ascoltatori radio e televisione) onlus creata nel 1954 per iniziativa di Azione Cattolica.

Qui di seguito la nota del presidente dell’Aiart: «Siamo stati sollecitati da telefonate e mail per il Recital “di e con Guzzanti” andato in onda ieri sera su La7 in prima serata. Il programma è offensivo dei sentimenti religiosi dei cattolici e, più in generale, di quanti liberamente professano una confessione religiosa. Guzzanti, credendo di fare satira, appare vestito da Cardinale, e irride alla Trinità, alla Madonna di Lourdes, al Vangelo, alla Chiesa, al Pontefice e con battutacce da caserma ‘liquida’ le posizioni della Chiesa sulla bioetica. Abbiamo dato mandato al nostro legale avvocato Caltagirone di presentare denuncia alla Procura della Repubblica di Roma. Per un’ora vomita falsità e dileggio alla Chiesa, offendendo il sentimento religioso dei telespettatori. L’Aiart chiederà al Consiglio nazionale utenti, nella prossima assemblea plenaria, di presentare un esposto all’Agcom perché accerti violazioni e sanzioni di questo programma, che non ha niente a che vedere con la satira e con lo spettacolo. A La7 l’Aiart chiede di sospendere il programma che, pensiamo, discrediti la stessa emittente che, con i suoi programmi, tanta credibilità ha acquisito tra i telespettatori».

Prima di vedere lo sketch ho letto la dichiarazione del presidente dell’Aiart Borgomeo e sono rimasto incuriosito da ciò che avrei potuto trovare del resto le parole da lui utilizzate sono forti. Cosa avrà mai detto di così grave Guzzanti?
Guardo i due video dello sketch incriminato e trovo satira (del resto, in uno spettacolo satirico ci si aspetta di trovare della satira), molta satira sui vari aspetti più contraddittori della religione cattolica ma una reazione così mi sembra esagerata. Esporre denuncia e minacciare sanzioni per uno sketch satirico mi sembra eccessivo e potrebbe costituire, in caso l’Agcom lo ritenga offensivo, un pericoloso precedente che possa minare ulteriormente la già limitata libertà di parola.

Vorrei poi considerare un altro punto, quante volte nei salotti televisivi, c’è un prelato di vario grado che parla di bioetica, aborto, concepimento e tutti quegli aspetti della vita che un uomo di chiesa non potrà mai essere interessato direttamente? E quante di queste volte io, da laico, mi sono sentito offeso, infastidito o indignato dalle parole sentite pronunciare ma che ho, poi, sempre inteso nei termini della libertà d’opinione e quindi tollerato? (Anche nei casi estremi in cui un prete esprime la sua opinione sui comportamenti femminili provocatori nei confronti degli uomini).

Dov’è la laicità in questa Italia? Perché non possiamo istituire la religione cattolica come religione di stato? Almeno noi laici la smetteremmo di inalberarci per questo tipo di questioni, i cattolici vedrebbero tutelate le loro idee per legge e si smetterebbe di sputare sulla cara Costituzione, sempre più malridotta.

Chiedo scusa per questo sfogo, l’intento di questo blog è quello di raccogliere qualche pensiero, qualche aneddoto e qualche mia considerazione sulle più varie questioni della vita di tutti giorni e non di pubblicare crociate personali ma questa volta ci tenevo a esprimere il mio dissenso per questi fatti che purtroppo risultano ancora molto frequenti.

Fonte: http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=38004&typeb=0&06-01-2013–Integralisti-all-attacco-Guzzanti-e-blasfemo

Annunci